Troppa velocità troppo rumore

È un’altra sera di un settembre. Almeno così sembra io
me ne sto seduta nel rumore dei pensieri del vagone
e guardo fuori. Troppa velocità
e troppo rumore. Le cose sono deformati proiettili       e  grigie
le luci       corde fluorescenti che fendono il buio. Allora
chiudo gli occhi           e immagino altre cose
faccio una lista di quelle che non fanno suono
così mi viene da pensare            che in qualche parte di settembre
l’aria è l’aria che respira         la spiaggia stesa
 l’umido salmastro che sale dalla sabbia
quando ad uno ad uno gli ombrelloni lasciano
il suo morbido tessuto     la  rovina tenera       grano a grano
dentro il destino di un autunno che accadrà           con un sollievo
mentre già sbiadisce il mare            nel verde satinato della poca luce
tutto questo mi fa pensare alla tua schiena,
alla tua schiena            che sospira
mentre poco a poco tu diventi l’ultima volta        di un frammento della notte
– che capolavoro! – dico- e ad un tratto tutto il resto
non vale quanto questa.Tu  io         il silenzio strepitoso di un addio
che nell’aria va e viene  senza essere visto. Ma Settembre è Settembre
ovunque e lo stesso. È solo che ora c’è troppa velocità    troppo rumore.
Una galleria aggiunge   – la tristezza…a…a…a…a –         alla mia lista

Grazie della lettura! Ora se vuoi lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...