In the mood for… : Rosso

rosso2

 

Rosso

                                                        […] I like the idea of different
                                   theres and elsewheres, an Idaho known for bluegrass,
                                   a Bronx where people talk
                         like violets smell. Perhaps I am somewhere patient, somehow
                         kind, perhaps in the nook
                            of a cousin universe I’ve never defiled or betrayed
                                                        anyone. Here I have
                                  two hands and they are vanishing […]
                                                                                                     (Bob Hicok)

Ma la presenza non è un concetto che può essere racchiuso, non è un elemento unitario del proprio essere. Di presenze ce ne sono due ed entrambe hanno confini indefiniti e continuamente variabili. Ce n’è una reale che indossa occhiali da sole, che prende il caffè al bar, che veste abiti leggeri che asseconda il proprio essere al ritmo della realtà e che in un certo senso marca il territorio con suoni, colori, odori, poi c’è l’altra presenza che potrei definire “cinematografica” che scorre in un mondo parallelo in cui la propria storia si deforma e dove il tempo segue un andamento indipendente in cui i colori sbiadiscono e si riaccendono nell’accadere che si dilata e si contrae senza seguire nessuna legge fisica. Le due presenze, così come quando si è nel chiuso di una sala a guardare un film, ignorano l’una la presenza dell’altra ma vivono l’una dell’esistere dell’altra, impalpabilmente s’intorbidano l’una della presenza dell’altra.
A quel punto, al punto in cui era quella sera la mia presenza reale, presumibilmente perché non lo ricordo, indossava qualcosa di bianco mentre aspettava che le luci si spegnessero, ma di sicuro quando uscì dalla sala l’altra mia presenza s’incamminò lentamente verso casa, a piccoli passi come se fossero trattenuti dall’orlo aderente della seta di un abito rosso. (continua)

Grazie della lettura! Ora se vuoi lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...