le poetesse vestono di nero

Non credo sarò mai capace di scrivere poesia
Lo penso ogni volta che dei poeti ne leggo i versi.
Immortali.
Universali.
A volte mi prende la voglia di tentare
ma poi mi accorgo che c’è qualcosa che mi manca.
Me ne manca il pallore
la malattia tenera delle mani
l’orlo di una vena.
È che la mia pelle assorbe il nero e lo fa sparire
in un nervo che si scopre
nel bianco sorriso del pazzo del paese

2 pensieri riguardo “le poetesse vestono di nero”

  1. 1)la poesia non esiste dunque non esistono nemmeno i poeti.

    2) la poesia esiste ma è un pazzo di cui dobbiamo prenderci cura e prenderci cura dei suoi occhi.

    3) il pazzo non è pazzo ma è poeta – i pazzi siamo noi che non siamo poeti

    4) è poesia quando perdiamo sangue scrivendo.

    5)è poesia quando perdiamo sangue quando perdiamo il pazzo e la sua poesia per vie impossibili da percorrere e cerchiamo di ricordarcene scrivendo tutte queste perdite

    6)[…]

    un abbraccio.
    paola

  2. Sì Paola. Ri-comporre il sorriso del pazzo…
    Grazie per questo e per tutto quanto.
    lisa

Grazie della lettura! Ora se vuoi lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...